Rivista giuridica online ExParteCreditoris.it: provvedimenti e sentenze segnalate da Giudici, Avvocati e Banche. Periodico d'informazione giuridica per studi legali Direttore responsabile Avv. Antonio De Simone - ISSN 2385-1376
BREAKING NEWS
  • OPPOSIZIONE ALLO STATO PASSIVO: non è ammissibile il ricorso incidentale proposto dal curatore
  • VITTIME DI ESTORSIONE OD USURA: inapplicabile la sospensione della fase pre-fallimentare ex art. 20, comma 4, L. 44/1999
  • ASSEGNO: l’emissione in bianco o postdatato, consegnato a garanzia di un debito, è contraria a  norme imperative
  • PIGNORAMENTO IMMOBILIARE: il nuovo avvertimento al debitore
  • CONCORDATO IN BIANCO: è necessaria l’audizione del debitore prima della pronuncia di inammissibilità
  • USURA: La L. 108/1996 non ha efficacia retroattiva
  • USURA BANCARIA: anche per la Cassazione la CMS è irrilevante fino al 31 dicembre 2009
  • FIDEIUSSIONE: il pagamento a prima richiesta e senza eccezioni configura il contratto come autonomo di garanzia
  • Decreto legge n. 59 del 3 maggio 2016: cambiano le modalità di attuazione dell’ordine di liberazione
  • MUTUO FONDIARIO: è lecito il contratto stipulato per sanare debiti pregressi verso la Banca mutuante
  • AMMISSIONE AL PASSIVO: il certificato di mancata opposizione del decreto ingiuntivo è sufficiente
  • ASSEGNO BANCARIO: il termine di prescrizione dell’azione risarcitoria da protesto illegittimo decorre dalla oggettiva percepibilità del danno
  • RIPETIZIONE INDEBITO: azione infondata in assenza dei documenti giustificativi del credito
  • ATP SU CONTO CORRENTE: inammissibile per la risoluzione di questioni giuridiche complesse
  • AMMISSIONE AL PASSIVO: il curatore non può chiedere la revocazione del credito della Banca ammesso per operazioni in derivati
  • RIPETIZIONE INDEBITO: il correntista deve individuare le rimesse solutorie asseritamente non dovute
  • USURA: CMS esclusa da calcolo TEG per periodo antecedente a legge n. 2/2009
  • CONTRATTO DI CONTO CORRENTE: valido anche in mancanza della firma della banca
  • MEDIAZIONE: è onere del debitore-opponente iniziare la procedura
  • AGEVOLAZIONI PER ACQUISTI IMMOBILIARI GIUDIZIARI: il punto

News

CONTRATTI BANCARI: validi anche se sottoscritti dal solo cliente

Provvedimento segnalato da Giovan Battista Casalini In materia di validità del contratto bancario sottoscritto solo dal cliente, la produzione in giudizio del documento sottoscritto dalla controparte contrattuale costituisce valido “equipol... Leggi tutto

Collabora con Noi

Sentenze della Settimana

USURA: è inammissibile la sommatoria tra interessi corrispettivi e commissione di estinzione anticipata

Segnalata da Alba Basile di Milano Sostenere la tesi dell’inclusione nel TAEG dell’incidenza percentuale della penale per l’estinzione anticipata del mutuo, finirebbe per postulare una sorta di “tasso sommatoria” fra voci affatto eterogenee... Leggi tutto

Collabora con Noi

Provvedimenti

ORDINE DI ESIBIZIONE: inammissibile se ha ad oggetto documenti relativi ad operazioni precedenti all’ultimo decennio

L’obbligo di rendiconto, in materia di rapporti bancari, viene limitato ex lege alla consegna di documenti entro il decennio, in quanto il legislatore, nel bilanciare le contrapposte esigenze delle parti contrattuali, ha ritenuto contrario ai principi di solidarie... Leggi tutto

USURA: vincolanti le istruzioni della Banca d’Italia per la rilevazioni del TEGM

Segnalata dall’Avv. Antonio Maxia del Foro di Cagliari Il T.E.G.M. deve intendersi comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse (come previsto dall’art. 2, comma l, L. 7.3.1996, n. 108), e quindi compr... Leggi tutto

LA RELAZIONE DELL’ESPERTO? UNA MINIERA DI DATI

La relazione dell’esperto costituisce la fonte principale e fondamentale di informazione, sia per gli organi della procedura, che per ogni possibile soggetto interessato all’acquisto, ma anche principalmente, per l’aggiudicatario, in quanto il suo contenuto,... Leggi tutto

NOTIFICA A MEZZO PEC: è esclusa la nullità se l’atto ha raggiunto lo scopo a cui è destinato

Il principio, sancito in via generale dall’art. 156 c.p.c., secondo cui la nullità non può essere mai pronunciata se l’atto ha raggiunto lo scopo a cui è destinato, vale anche per le notificazioni, anche in relazione alle quali la nullità non può essere dich... Leggi tutto

RIPETIZIONE INDEBITO: l’onere probatorio del correntista non subisce deroga neanche quando abbia ad oggetto “fatti negativi”

L’onere probatorio gravante, a norma dell’art. 2697 c.c., su chi intende far valere in giudizio un diritto, ovvero su chi eccepisce la modifica o l’estinzione del diritto da altri vantato, non subisce deroga neanche quando abbia ad oggetto “fatti... Leggi tutto

USURA: la sospensione dei procedimenti pendenti ex L. 44/1999 non esclude la facoltà del giudice di dichiarare il fallimento

La sospensione dei procedimenti pendenti, in favore del soggetto vittima di richieste estorsive o di usura, prevista dalla L. 23 febbraio 1999, n. 44, art. 20, comma 4 (a tenore del quale “Sono sospesi per la medesima durata di cui al comma 1 – id est per tr... Leggi tutto

CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA: inammissibile per questioni giuridiche complesse tipiche di un giudizio a cognizione piena

La consulenza tecnica preventiva non può essere disposta quando la decisione della controversia implicherebbe la soluzione di questioni giuridiche complesse o l’accertamento di fatti che esulino dall’ambito delle indagini di natura tecnica, nonché, in assenz... Leggi tutto

CONCORDATO PREVENTIVO: diniego di omologa legittimo nel caso di atti in frode ai creditori

Gli atti in frode al ceto creditorio vanno intesi, sul piano oggettivo, come le condotte volte ad occultare situazioni di fatto idonee ad influire sul giudizio dei creditori, aventi valenza potenzialmente decettiva per l’idoneità a pregiudicare il consenso informa... Leggi tutto

USURA: il criterio della sommatoria dei tassi è del tutto illogico sotto il profilo sia giuridico che matematico

La verifica della usurarietà c.d. oggettiva non può essere condotta con il criterio della sommatoria dei tassi corrispettivi e moratori. Tale modo di procedere è, infatti, del tutto illogico sotto il profilo sia giuridico che matematico, atteso che gli interessi corrisp... Leggi tutto

RIPETIZIONE INDEBITO: la parte deve produrre in giudizio l’intera sequenza di estratti conto

Nel caso in cui il correntista agisca per la ripetizione delle somme indebitamente versate sul conto corrente, anche in ragione della nullità di determinate clausole contrattuali, lo stesso ha l’onere di produrre in giudizio l’intera sequenza di estratti con... Leggi tutto