LITE TEMERARIA: sussiste nel caso di opposizione all’esecuzione sugli stessi motivi dell’opposizione a precetto

ISSN 2385-1376
La mera riproposizione dei motivi di opposizione a precetto innanzi al Giudice dell’Esecuzione integra la lite temeraria
Ordinanza
Tribunale di Bologna, Giudice dell'esecuzione dott. Massimo Giunta
21-02-2013
lite temeraria
procedura civile
Art.89 e 96 cpc
  • Documento da allegare al provvedimento
Your Email
Comment

Your Name
Your Email
Your Phone
Enquiry

Email to:

Your Name:

Your Email:

Subject:

Stampa
Testo della massima
Spesso accade che successivamente alla pronunzia di rigetto dell’istanza di sospensione avanzata dal debitore nell’ambito dell’opposizione a precetto, venga proposta opposizione all’esecuzione davanti al Giudice dell’Esecuzione sulla base degli stessi argomenti nella speranza di una diversa valutazione.

Su tali comportamenti processuali si è pronunziato il Tribunale di Bologna, con ordinanza del 25/2/2013, emessa dal Giudice dell’Esecuzione, Dott. Massimo Giunta, che ha qualificato TEMERARIA la condotta tenuta dal debitore.

In particolare, il Tribunale di Bologna ha statuito, una volta rilevato che i fatti dedotti ovvero deducibili erano i medesimi proposti nell’opposizione a precetto e già disattesi dal Giudice, chiamato a decidere su siffatta opposizione, non è consentito chiedere al Giudice dell’Esecuzione una nuova valutazione degli stessi, in quanto trattasi di argomenti già spesi e valutati nel giudizio di opposizione a precetto.

Tale comportamento integra la lite temeraria, perchè l’opposizione svolta dal debitore è  PRETESTUOSA e DEFATIGATORIA: il debitore, infatti, ha agito senza la normale prudenza, in quanto le eccezioni svolte da questi ab origine possono essere ritenute palesemente infondate in relazione alla prospettazione giuridica e alla cognizione storica dei fatti posti a fondamento dell’opposizione.

Tenuto conto che la proposizione della nuova opposizione impone al creditore procedente di difendersi, è evidente che tale comportamento integra i presupposti tipici della lite temeraria.

Da tale decisione può trarsi il seguente principio:

La mera riproposizione dei motivi di opposizione a precetto con una nuova opposizione innanzi al Giudice dell’Esecuzione integra la lite temeraria, in quanto l’azione proposta è defatigatoria, tenuto conto che – da un lato – il Giudice dell’Esecuzione è tenuto a pronunziarsi sui motivi già esaminati dal Giudice chiamato a decidere sull’opposizione a precetto e – dall’altro – il creditore è obbligato a difendersi con la conseguenza che il debitore esecutato va risarcito con la condanna ex art. 96 cpc.

Testo del provvedimento

© Riproduzione riservata
NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Ex Parte Creditoris.
È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l'articolo di interesse.
È vietato che l'intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l'indicazione della fonte e l'inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l'articolo.
Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l'indicazione della fonte, nel modo che segue:
Autore, Titolo, in Ex Parte Creditoris - www.expartecreditoris.it - ISSN: 2385-1376, anno

  • Documento da allegare al provvedimento
Your Email
Comment

Creato il: 27th May, 2013 10:48 AM
Your Name
Your Email
Your Phone
Enquiry

Email to:

Your Name:

Your Email:

Subject:

Stampa
Numero di protocollo interno
297 / 2013
606